CRITICS-NEWS

Il Mondo Magico at the SponzFest

Martedì 23 agosto ad Andretta (AV), in piazza alle 21.30 (alcune scene); dal 20 ottobre saremo al cinema.

“Lo Sponz è il luogo in cui è cresciuto Il Mondo Magico, dove le persone, in particolare i musici de La Banda della Posta e le persone della ProLoco di Calitri, hanno fatto crescere la passione-in-azione di pensare la regia in questa terra.
Lo Sponz è il luogo dove sono cresciuto io, la semplicità e la schiettezza degli sguardi delle persone, il senso del gioco, il volersi collegare ad una terra troppo abbandonata per cause di forze maggiore.
Lo Sponz è il “non-terremoto”, è il racconto di una terra che esiste ogni giorno, che resiste al confine e oltre il clamore mediatico.
Lo Sponz è riconoscere le proprie radici e, quindi, conoscere un po’ di più se stessi.
Ho scritto Il Mondo Magico per raccontare una storia con immagini; ho finito per raccontare la mia terra. Ho cercato delle buone locations per girare, ho finito per trovare delle persone in cui mi riconosco: questa è la mia Polvere.”
Raffaele Schettino

Programma completo: http://www.sponzfest.it.

Italian Premiere

Il mondo magico, anteprima al Ferrara Film Festival

L’opera prima di Raffaele Schettino verrà proiettata il 2 giugno all’Apollo

Dopo la recente vittoria del Platinum Remi Award alla 49a edizione del WorldFest di Houston, l’opera prima di Raffaele Schettino avrà la sua anteprima italiana alla prima edizione del Ferrara Film Festival giovedì 2 giugno alle 19.15 presso il Cinepark Apollo.

Il film è stato selezionato nella sezione Feature World, che ospiterà lungometraggi in anteprima provenienti da tutto il mondo. La giuria attribuirà al miglior film un premio ispirato alla leggenda di San Giorgio, patrono della città di Ferrara: il Dragone d’oro.

Il mondo magico, che richiama nel titolo Il mondo magico. Prolegomeni a una storia del magismo di Ernesto de Martino, è liberamente ispirato a una storia vera e si svolge a cavallo degli anni Quaranta e Cinquanta tra antichi rituali, canti popolari, passioni e maledizioni.

Chiamato alle armi nella campagna di Russia durante la seconda guerra mondiale, il giovane Gianni (interpretato dal regista Raffaele Schettino) diserta e trova asilo in una famiglia a Piadena, in provincia di Cremona, dove si innamora della bella e misteriosa Teresa (Chiara Travisonni). Nella confusione che segue l’armistizio del 1943, decide di rientrare a Frigento, in Irpinia, sua città di origine, dove sposa Tina (Alessandra Tavarone), il suo primo amore. Teresa, abbandonata, trasforma la sua rabbia in maledizione.

Da quel momento, la vita di Gianni è condannata alla sciagura. Qualche anno dopo, a Buonacquisto, in Umbria, minatori e operai disperati manifestano per i licenziamenti in fabbrica. Gianni, che ha trovato impiego come carabiniere, è dall’altra parte della barricata e soffre nel vedere i tanti amici lavoratori in difficoltà. Grazie a Mariella (Mara Calcagni), sembra ritrovare un po’ di serenità. Se ne innamora mentre cresce la sua adesione alla causa operaia e il distacco dalla moglie, donna pratica e poco idealista. Ma le sofferenze non sono finite.

Vero protagonista è il “mondo magico” di de Martino, ovvero la magia del mondo contadino. Intorno agli attori Raffaele Schettino e Mara Calcagni, la ritualità delle relazioni umane è ricercata nell’interpretazione spontanea di interpreti non professionisti, mentre i canti di tradizione orale rivivono grazie alla partecipazione straordinaria di cantori e musicisti d’eccezione: il Duo della Lega di Cultura di Piadena, il gruppo umbro I Cantori della Valnerina e il gruppo campano La Banda della Posta (prodotto da Vinicio Capossela).

Saranno presenti a Ferrara il regista Raffaele Schettino, l’attrice Mara Calcagni, lo sceneggiatore Daniele Trovato e la Lega di Cultura di Piadena. Il film uscirà nelle sale italiane nell’autunno 2016.